2037


Ricompaio dopo alcuni giorni di sofferenza, giramenti di testa, rivoltamenti di stomaco e masturbazioni mentali varie. Ormai ho un unico obiettivo nella vita, un traguardo di lungo termine (“nel lungo termine saremo tutti morti” JM Keines) cge annulla di colpo tutti i precedenti: il matrimonio, i pargoli, la pubblicazione dei miei romanzi, il mio clamoroso successo editoriali, l’emilio krugman prime time show, la direzione del quotidiano diario minimo – giornale piu’ letto d’eurasia, il premio oscar per il miglior film straniero e la coppa volpi a venezia come miglior attore nel film autobiografico tratto dal librlo autobiografico “la vera storia di emilio krugman, autobiografia non autorizzata…

Nel 2037 estinguero’ il mutuo colossale che mi accingo ad accendere e diventeremo i soli proprietari dell’abitazione che stiamo per  acquistare.

2037, in quell’anno vincero’ il premio nobel per la blog-etteratura e il mio discorso al municipio di stoccolma comincera’ proprio da qui “Questo per mè e’ un grande anno e non per questo riconoscimento, che sogno fin da bimbo mezzo svedese, ma perche’ ho finito di pagare il mio debito con la banca” e tutti rideranno come dei pazzi, compresa la regina Vittoria, e io ricordero’ come avevo riso io, quarant’anni prima, quando avevo visto alla tv da lappis il discorso di Dario Fo e poi mi ero intrufolato di soppiatto alla sua lectio magistralis in un aula magna che sembrava una sauna e quando Dario Fo era entrato , l’orchestra era partia con “bandiera rossa” e noi tutti a battere le mani.

2037, un anno di relativa pace e anche speranza – arrivato dopo un decennio dalla terza guerra mondiale, quella arabo-cinese, l’anno in cui il petrolio era finalmente finito.

2037, il delfino gustavo gloria e’ morto da 12 anni, meglio per lui che non e’ dovuto emigrare per l’editto bulgaro della brambilla, e quasi non ricordo piu’ le lacrime versate ad aponus travel ma verso regolarmente l’assegno per mantenere suo figlio merdolino nel peggior asilo di Caracas, dove rimane in seconda asilo (cosa’ sara’la seconda asilo proprio non ho capito)

2037, il mio primogenito ha fatto quello  che io avrei voluto fare trent’anni prima ma non ho mai avuto il coraggio di fare, e’ partito con la sua squinzia per Kastellorizo dove ha aperto una trattoria veneta. Peccato che non ci sia piu’ il mediterraneo, e tra Rodi e l’isola di Mediterraneo,ci vogliano 2 giorni e mezzo a bordo di dromedario albino, sono rimasti solo quelli.

2037, Pippo Baudo presenta il festival di san remo e i senatori a vita hanno appena salvato il trentaduesimo governo Ratzinger, si lui, proprio lui.

insomma caro diario, è il 2037 e le cose non sono poi cambiate cosi’ tanto negli ultimi trent’anni, solo che il sole non c’e’ piu’, ma la lampada a basso voltaggio – ikea – con cui e’ stato sostituito funziona benissimo e i limoni sul terrazzino sono ancora acerbi, chissa se per il 2050 diventeranno finalmente maturi…

2037 2037 2037 2037…

e il livello di batteria e’ pure scarso,

sfido io son passati trent’anni.

tuo Emilio

Annunci

2 risposte a “2037

  1. mi tocco! anche se non sarebbe male fino al 2025, meglio delle attese. gustavo

  2. Questo SI che era carino. Sig.ra Krugman

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...