“Se a Milano ci fosse il mere sarebbe una piccola Stoccolma”.


“Se a  Milano ci fosse il mere sarebbe una piccola Stoccolma”. Il tempo e’ meraviglioso, le gambe non girano. I milanesi, quelli veri, sono ancora in vacanza. In via Goldoni bruciano macchine e motorini. Il ristorante sotto casa e’ ancora chiuso per ferie ma il cuoco egiziano (che cucina come un siciliano bravo) da’ acqua alle piante con regolarita’. In saldo ha comprato un paio di Puma. Il limone non sta’ affatto bene, la maggiorana e’ praticamente morta, il rosmarino sopravvive, l’erba cipollina vivacchia. L’origano e’ invece in ripresa. “La solitudine dei numeri primi” mi pare un tantino (che parola di merrda tantino) sopravvalutato. Il portatile e’ stato ucciso dalle aringhe e dal fratello del Foca. Mi sono ritrovato a cantare a sguarcia gola Vasco Rossi, e questo e’ piuttosto grave. Mentre ti scrivo nel bide’ del bagno ho messo in ammollo quelle magliette che la puzza non va mai via, ho seguito i consigli della mia cognata, non so se funzionera’. Maratona: si corre milano, 23 novembre, che e’ la maratona piu’ brutta del mondo ma e’ casa mia. “Voi corridori siete una manica di esaltati deficenti. E poi e’ un sport da vecchi: linus ha iniziato a 45, morandi a 55. Sei decisamente in anticipo”  sentenzia la signora Krugman. Per il resto, ‘sti kazzi.

Annunci

Una risposta a ““Se a Milano ci fosse il mere sarebbe una piccola Stoccolma”.

  1. sono perfettamente d’accordo con Mrs. Krugman

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...