LA SIGNORA KRUGMAN


La signora Krugman non vuole che parli di lei su questo blog eppure si lamenta di non essere l’ispirazione di alcun protagonista del romanzo

“Perche’ tu ci sei in ogni personaggio” …. rispondo io  a differenza di Mastandrea che in “giulia non esce la sera” sta zitto – ah il film mi e’ piaciuto, e’ molto intenso, va visto al cinema perche’ lo schermo grande ti permette di perderti nell’acqua della piscina per staccarti da tutto e ritrovarti, come fa Giulia per l’appunto .

La signora Krugman ha una passione per le scatole. Tutto va riposto in una scatola perche’ cosi’ e’ piu’ ordinato. Ogni abitante della casa di via uberti ha un gran numero di scatole a sua disposizione. Ci sono quelle comuni, etichettate in bell’ortografia, per le lenzuola, i teli mare (mi fa ridere i teli mare), i pigiami e le camicie da notte e gli asciugamani – divisi in teli doccia, teli palestra e asciugamani generici. Ci sono poi le scatole per le scarpe e quelle per i vestiti della stagione non in corso. Anche le scatole in quanto tali devono essere belle, senza ammaccature e ordinate senno’ (senno’ va tutto attaccato dice la medesima) vanno cambiate con scatole nuove.

Per comprare nuove scatole, la signora Krugman si reca all’Ikea – soprattutto adesso che potrebbe ambire alla nazionalita’ svedese dopo avermi sposato –

Ciò che non trova posto nelle scatole puo’ essere buttato senza spiegazioni. La regola non ammette eccezioni neanche per carte di credito, agende con numeri telefonici di pin up, magliette con alto valore affettivo , varie ed evetuali.

In alternativa cio’ che viene trovato fuori posto puo’ essere lasciato sotto al cuscino del proprietario dell’oggetto. Il proprietario sono sempre io. Mi e’ capitato cosi’ di dormire per una settimana abbracciato ad una scarpa di vernice nera (ma se neanche ce le hai le scarpe di vernice, ma cosa stai scrivendo????)  o di baciare per la buona notte una maglia da rugby sporca di fango del Cesano Boscone.

Si rischia la vita quando , per noncoranza, una delle tue scatole si rompe… “Ecco, sei uno stronzo, un coglione, non te ne frega un cazzo di niente…” .

Questo post e’ scritto sotto la vigilanza della signora Krugman che cosi’ commenta:

“Ho detto che non te lo faccio pubblicare, nego il mio consenso alla pubblicazione”

Annunci

6 risposte a “LA SIGNORA KRUGMAN

  1. la signora krugman va fatta “santa subito”….a dover convivere con lo smisurato ego di emilio…

  2. la signora k. va fatta subito

  3. la sig.ra krugman è l’icona degli anni duemila dopo grace kelly e jacqueline kennedy onassis…

  4. e comunque anch’io adoro le scatole inscatolo tutto da quando ero alle scuole medie.. ho ancora i miei diari, le letterine d’amore e tante altre cose che non si possono scrivere… che male c’è????

  5. Non la facevo così, così, proprio così …..e poi ti lamenti delle tue sorelle! Mai avuto scatole in vita mia!,,,ma quella dei vestiti premaman la volete? ; -)

  6. w la figa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...