TOPOLONIA CAPUT MUNDI


A Topolonia l’imperatore Nerone riceve ogni sera decine di puelle nelle sue stanze. Le intrattiene con pizza e champagne – ma da quando la pizza sta bene con lo champagne? – mostra loro le foto delle sue ville nei mari del sud, intona un paio di stornelli. A qualcuna chiede di fermarsi per la notte in cambio di piccoli regalini, mille-due mila euri.

“Ancora spazzatura, non mi faro’ condizionare” tuona l’imperatore sulle ultime indiscrezioni di stampa.

I cittadini di Topolonia sono – nel frattempo – sempre piu’ fieri del proprio imperatore, dopo l’ex Re Vittorio Emanuele, ora anche Nerone entra in un inchiesta per “induzione alla prostituzione”.

Topolonia va a puttane, viva Topolonia!

Annunci

2 risposte a “TOPOLONIA CAPUT MUNDI

  1. Emilio che ne dici di questo:
    DAL CORRIERE DELLA SERA ON LINE DEL 17/06/09:
    http://www.corriere.it/economia/09_giugno_17/ocse_deficit_debito_pubblico_italia_bf2d281a-5b1d-11de-8305-00144f02aabc.shtml

    MILANO – L\’Ocse prevede un calo del Pil italiano del 5,3% nel 2009, seguito da una ripresa pari a +0,4% nel 2010. Nel rapporto sull\’Italia, l\’organizzazione sottolinea che «la recessione italiana ha sorpreso per la sua ampiezza» e che l\’economia si riprenderà molto lentamente, ma «grazie alla relativa solidità dei bilanci delle famiglie e delle imprese, la ripresa potrebbe essere più robusta che altrove». La disoccupazione potrebbe salire al 10% entro fine 2009, il deficit pubblico è prospettato al 6% del Pil nel 2010 e il debito oltre il 115%, vicino al 120% entro la fine dell\’anno prossimo.

    «DEBITO TROPPO ALTO» – «Il debito italiano è semplicemente troppo alto per permettere al governo di fare di più» per sostenere la domanda interna, scrive l\’Ocse, apprezzando la cautela delle autorità. «Circa 300 miliardi di euro del debito pubblico italiano maturano nel 2009 e un simile ammontare nel 2010, il deficit di bilancio necessiterà di nuovi prestiti per 80 miliardi di euro». L\’Ocse vede con favore le misure anti crisi che, «nonostante il limitato spazio di manovra», sono state introdotte dal governo italiano, ma raccomanda che «nel lungo periodo la performance economica può essere migliorata con riforme macroeconomiche e strutturali e ulteriori riforme di pensioni e sanità».

  2. Nel frattempo a Milano s’organizzano ronde naziste e il ministro Brambila alza la mano tesa festeggiando col saluto Romano l’inno tricolore:
    “Quanno dai la mano a uno te po’ capità de strigne dè no zozzone o de’n ladro. Perciò salutamose tutti alla romana: se vorremo ancora bene, tenendosi a distanza! Trilussa”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...