MERDA, ORTICHE, TAXI E COCAINA


Corro praticamente al buio in una strada di campagna che mi fa paura sin da quando ero bambino. C’e’ sempre il rischio che un cane ringhioso t’insegua incazzato sbraitando come un deputato leghista alla festa padana di Arcade. 

Io corro e sto bene che  casa e’ vicina e mi aspettano per cena. Non ci sono lampioni, la notte e’ arrivata troppo veloce. Non vedo quasi niente, sento solo i miei passi. Non devo farmi prendere dal panico, la via sterrata non e’ infinita, prima o poi la luce arriva, la notte finisce,  bisogna solo cercare di non perdersi per strada, mantenere la calma e continuare ad andare avanti aspettando l’alba.  Pensieri profondi e puzza di merda. E’ la mia mano sinistra: merda e ortiche, una pausa nei campi non prevista a Ponzano dove hanno costruito un quartiere nuovo di abitazioni gialle.

Venexia, il tramonto verso marghera, la sabbia mossa nella deserta spiaggia del Lido. Tuc in treno e The alla pesca, al limone l’ho finito.

Finalmente casa, Milano. Il tassista mi guida per vie che conosco a memoria. I campi mi piacciono ma questa e’ la mia vita, e non e’ per niente male – penso – mentre aspetto la ricevuta. Dietro ci strombazzano nel culo.

“Spostati coglioooooneeee” grida un Suv nero con i vetri oscurati. “Un attimo” “coglioneeeeeeeeeeee spostati” “Ma va a cagare…” risponde alla fine il tassista. Dal suv nero esce un uomo grosso in camicia rosa completamente impazzito, sbatte il taxi come fosse una scatola di caramelle Valda. Il tassista accende e scappa. Lui lo insegue con il suo carroarmato e una donna vestita di nero. Lo affianca allo stop e gli sbarra la stranda. “Scendi coglioneeeeeee….” Apre la portiera, sbatte il povero tassista quasi pelato per terra. Mi avvicino, devo fare qualcosa. La donna vestita di nero grida, l’energumeno con la camicia rosa indubbiamente strafatto di cocaina grida. Il tassista riesce finalmente a scappare.

Io Rimango in mezzo alla via a tre metri dalla camicia rosa con le chiavi di casa infilate nella porta, ne ortica ne merda sulle mani.

Annunci

Una risposta a “MERDA, ORTICHE, TAXI E COCAINA

  1. che vita di ortica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...