io resto coi fenicotteri


A voi che partite alla ricerca di un mondo migliore, una patria piu’ dignitosa, un senso alla storia, un posto dove sentirvi a casa.
A voi che avete lasciato l’opulento Nordest e i Negroni nati sbagliati nei bar di Milano per il mare di Tulum, le onde di Sidney, la nebbia di Lima, la pioggia di Manchester, i ristoranti Thai di Londra, i parchi di Vienna e un barbecue sulla first-avenue a Manhattan, io resto.
Io resto per non perdermi queste giornate di tramontana che spazzano l’aria e lasciano un cielo da cartolina sulla carcassa di un piccione in via kramer,
Io resto per godermi piccoli evasioni di coppia in Porta Romana.
Io resto per sapere se la fidanzata ha perdonato il meccanico Domenico nella vacanza a Lefkada, per rasarmi i capelli dalla trans di via larga che sfoggia un’abbronzatura caraibica mentre sfumacchia una siga di fronte alla fermata del tram.
Io resto per combattere con la tastiera, perche’ quando sara’ il turno della signorina K e  mi dira’ che le abbiamo lasciato un mondo di merda potro’ risponderle che almeno c’ho provato.
Io resto perche’ voglio godermi il momento in cui il caro leader sara’ solo un ricordo ed i mezzi-figuri, che adesso gli leccano i peli dell’ano, rinnegheranno di averlo conosciuto.
Io resto per la signora dell’edera, il non sorriso di Mr sorriso e il suo baccala’ mantecato, per i film di Soldini, per I romanzi che divori fino alle ultime dieci pagine e poi ti blocchi perche’ vorresti non finissero mai.
Io resto per ritrovare in via palestro hyde park il mio gruppo di sgangherati corridori bukoswkiani e discutere assieme di gheddafi e gnocca e seguire per ore il perizoma azzurro della piu’ bella del parco, che ci corre davanti.
Io resto per sapere quanti numeri di cellulari di fanciulle riuscira’ a raccattare, nel suo pendolarismo da intercity Milano-Rimini, il prode Nano romagnolo e quante di queste gli avranno tirato pacco al primo aperitivo.
Io resto perche voglio scoprire dove punta la piccola K. con il suo indice indagatore.
Io resto perche’ sabato alla rotonda della Besana una chitarra ha suonato Segovia solo per noi.
Io resto per le marmellate di albicocche della signora K, per il pane che lievita in cucina, perche’ un basilico cosi’ l’ho sempre sognato.
Io resto per montare mobili Ikea la domenica pomeriggio nella casa invasa dal profumo del caffe’ annacquato della K.
Io resto perche’ sono tre mesi che devo cambiare la lampadina in salotto.
Io resto perche’ a fine mese Osvaldo, che e’ stato campione equadoreno dei pesi mosca nel 1976, torna a Guayaquil per la prima volta da quando e’ venuto a Milano a pulire i cessi degli italiani. E tra due anni ci torna per sempre a godersi la meritata fazenda.
Io resto per un rocker che fa il cameriere in un bacaro veneziano, per ascoltare musica che nasce a Pordenone o in una cameretta di Ferrara.
Io resto per il sabato mattina, le brioche calde della Sissy, gli acquerelli della K, i peoci di pater Krugman, il profumo della pelle della piccola K., l’altalena del parco dei bimbi, le mostre di foto al palazzo della ragione, i fenicotteri rosa in via Mozart   via cappuccini, un berlucchi nel giardino di villa necchi campigli, la neve in parco sempione, un jungle fever al rita, un suvlaki sulla martesana, un film all’aperto al conservatorio, un concerto di bregovic alla festa che fu’ dell’Unita’, un matrimonio di cinesi in abito bianco – entrambi, perche e’ tornato l’orco buono del trenino di via palestro, per fingere di capire le mostre del Pac, per pedalare sui porfidi di corso vittorio emanuele alle 6 e 44, per una birra al magnolia, per una seppiolina fritta ieri alla Nea, per la nebbia che nasce nei fossi di via Trieste, per una partita dei pulcini del calcio villorba, per il panevin di arcade, per i capodanni dell’ultimo minuto, per una seggiovia abbandonata sopra Lecco, per un panino al prosciutto di una signora sarda nella piazza di orta san giulio, per il tramonto dietro marghera, per le stelle dell’Ottavia e la caponata dal nonno.
Insomma, io resto per raccontarla.

Annunci

10 risposte a “io resto coi fenicotteri

  1. avrei qualche dubbio sulle mostre fotografiche a Palazzo della Ragione (specie sull’ultima!!) …ai fenicotteri rosa – per motivi sentimentali – preferisco dare una sbirciata in via Cappuccini…

  2. Ti dimentichi siempre di quelliche se ne vanno a barcellona, nanobastardo. Quelli Che hanno riabbracciato un gianfry che si era smarrito 15 anni fa, tra l’altro.

  3. Si, e’ vero, Milano a settembre e’ unica, praticamente ineguagliabile. Che nostalgia….

  4. si è via dei cappuccini! julie.
    i’m always in love with u, macaco!

  5. gran malinconia oggi? dai che la signorina K. ha un anno in più tra due gg.
    ps. i fenicotteri rosa dove????

  6. mi spieghi chi sono quelli che ballano????

  7. lasorella… quelli sono due ballerini travestiti come i TARM. Ma dovrebbe essere più un riferimento a Pordenone che a Milano… Ammetto che – da nostalgica del Great Complotto – questa svolta dei TARM un pò mi aveva fatto male.

  8. @Julie: adesso mi dici come fai a conoscere il Great Complotto. Sei fuori età!

  9. Caro Piergi, tu mi sottovaluti… ;-)

  10. CheTincazziAFare

    Io resto, nel mio paesino, perché non c’è la stazione per potermene andare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...