ASPETTA PRIMAVERA KRUGMAN


La stanza singola lunga e stretta puzza di chiuso, le spesse tende, a fantasia orribile, mi nascondono la notte. Il copriletto maledice la sua sorte su questo letto schinchenico, l’armadio si tiene stretto grucce di plastica e desolati ripiani di formica bianca.
La televisione si arrabatta sulla scrivania grigia accanto al telefono beige, che era vecchio gia’ nel 1987.
Apro la finestra, almeno sono in alto. Un terrazzino mi proietta verso uno spicchio anonimo di citta’. I riflettori di uno stadio di calcio, una chiesa, un bistro’ senza pretese, in una mansarda si apparecchia la tavola per cena.
Parigi mi e’ sfilata davanti per sbaglio.
Non so bene dove mi trovo, spedito a caso in un hotel periferico di cui non ricordo l’indirizzo. 
La tv rimanda immagini sfuocate in sedici noni del werder brema.
La cornetta della doccia pende dal patibolo. Non ho le ciabatte, merda. Non erano previste nel mio nuovo zaino da 30 litri per viaggi brevi che, invece, contempla inutili scarpette da corsa da pronatore.
Scendo solo per strada, il blackberry nella mano sinistra, un romanzo indiano in quella destra. Scarpe scomode ai piedi.
Non parlo francese, credo di essere in un quartiere universitario. Lo giro a caso alla ricerca di un ristorante che potrebbe piacere anche alla signora K. Mangero’ anch’io agnello al forno.
Mi muovo a caso, stordito dalla stanchezza, perlustro vetrine, menu’ e persone fumando sigarette poco convinte.
Non fa freddo, mi siedo fuori. Dentro da solo al tavolo nò, non mi va. Bevo vino rosso forte.
Il bberry mi mostra la posizione sul satellite e m’innonda di mail. Babo, nel frattempo, ha deciso che vuole passare la vita con Sean e lei e’ pronta a partire per Madras.
Ho arretrati di chiamate non risposte. Non ora.
Un altro bicchiere di rosso. Mi manca Tony Pagoda, sarebbe il compagno perfetto per questa notte di fine settembre.
Ritorno verso l’albergo con chiave magnetica, stanza 605 senza frigo bar. Compro due bottigliette d’acqua e una mela rossa, siamo in stagione.
Mordo la polpa farinosa disteso sul letto, ancora l’abito blu sgualcito addosso, mentre un bambino con la maglia dell’Inter dribla sfuocato nell’unico canale Tedesco della televisione francese.
Punto due sveglie alle sei e 45.
“congratulations, per il tuo nuovo incarico….” Rileggo sul piccolo schermo di ‘sto coso che non so  usare. Dormo con i calzini.
Aspetta primavera Krugman.

Annunci

Una risposta a “ASPETTA PRIMAVERA KRUGMAN

  1. No, Tony Pagoda, no…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...